blog energie

Efficienza energetica degli edifici: incentivi e consigli

Un intervento per migliorare l'efficienza energetica della tua casa fa bene all'ambiente e ha costi accessibili grazie agli incentivi fiscali in vigore.

Il consumo energetico globale negli ultimi decenni è più che raddoppiato, il problema dell’approvvigionamento dell’energia è sicuramente un argomento di attualità così come la conversione degli impianti verso le fonti sostenibili e rinnovabili che assumono un rilievo sempre maggiore.

Tutti i Paesi hanno messo in atto piani di rinnovamento energetico a breve e lungo termine con l’obiettivo di ridurre in modo sempre più importante le emissioni nocive e ricorrere meno alle risorse energetiche di origine fossile, non rinnovabili.

L’italia è ben posizionata tra i migliori Paesi a maggior efficienza energetica, con una intensità energetica primaria inferiore al 18% rispetto alla media europea.

L’obiettivo del nostro Paese per il 2020 è una riduzione di 20 milioni di TEP (Tonnellate Equivalenti di Petrolio).

Tutti gli obiettivi prefissati per quest’anno si possono trovare nella Relazione annuale efficienza energetica 2020.

Per far fronte a questi cambiamenti stiamo percorrendo la strada giusta, quella che prevede un uso efficiente dell’energia.

Ognuno di noi può fare la propria parte, ad esempio partendo dalla propria abitazione, condominio o impresa e rendendola un edificio a massima efficienza energetica!

Quanto è efficiente la tua casa? Te lo dice la diagnosi energetica

Come si può misurare il livello di efficienza energetica di un edificio o di una fabbrica?

La risposta è semplice, bisogna effettuare una diagnosi energetica.

La diagnosi energetica è una procedura svolta da tecnici qualificati che valuta  il “comportamente energetico” dell’edificio e i suoi punti deboli, ad esempio la dispersione di calore degli infissi o pareti, l’energia consumata per il raffrescamento estivo, lo stato degli impianti, ecc...

Al termine della valutazione il tecnico definisce la classe energetica dell’edificio e tutte le informazioni vengono riportate nell’APE – Attestato di Prestazione Energetica.

L’APE è il documento che attesta la classe energetica di un immobile e indica gli interventi che possono migliorarne le prestazioni.

Alcuni interventi possono riguardare il cambio dei contratti di fornitura dell’energia elettrica, la modifica degli impianti, interventi di ristrutturazione edilizia.

Sul sito dell’ENEA (Agenzia Nazionale per l’Efficienza Energetica) è possibile fare un test interattivo che ti comunica se consumi la giusta energia per riscaldare la tua abitazione e cosa fare per renderla più efficiente rispettando l'ambiente.

 

Al via il Decreto Rilancio e le agevolazioni fiscali per l’efficientamento energetico

Nel nostro Paese per chi ristruttura una abitazione migliorandone l’efficienza energetica sono previste diverse agevolazioni economiche.

Il Decreto Rilancio, legge 19 maggio 2020, n. 34, nell’ambito delle misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, ha incrementato al 110 per cento l'aliquota di detrazione spettante per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, a fronte di specifici interventi in ambito di efficienza energetica, di misure antisismiche, di installazione di impianti fotovoltaici, nonché delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

Gli interventi ammessi in detrazione e da ripartire in 5 quote annuali di pari importo, in sintesi sono:

-          spese sostenute per interventi di isolamento termico delle superfici opache che interessano l'involucro dell'edificio con un'incidenza superiore al 25 per cento della superficie disperdente lorda;

 

-          spese sostenute per interventi di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria particolarmente performanti (a condensazione, a pompa di calore).

Qualora, inoltre, congiuntamente ai predetti interventi trainanti, siano eseguiti ulteriori specifici interventi finalizzati alla riduzione del fabbisogno energetico dell’edificio, anche le spese per la realizzazione di questi ultimi beneficiano dell’aliquota più elevata del 110 per cento.

Tali interventi possono essere l’installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici e l’installazione di impianti fotovoltaici connessi alla rete elettrica su edifici, nonché di sistemi di accumulo integrati nei predetti impianti.

Un’ulteriore rilevante innovazione introdotta dal Decreto Rilancio consiste nella possibilità di optare, in luogo della fruizione diretta della detrazione in sede di dichiarazione dei redditi, per un contributo anticipato sotto forma di sconto dal fornitore dei beni o servizi direttamente in fattura oppure per la cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante.

L’Agenzia delle Entrate ha emesso una guida utile a fare chiarezza sulle agevolazioni del Superbonus 110%.

 

L’efficienza energetica in Lombardia

La Regione Lombardia, ENEA e GSE (Gestore dei servizi energetici) hanno da poco dato vita al progetto PECC “Punto Energia e Clima per i Comuni”: uno sportello operativo per promuovere e supportare la riqualificazione energetica del patrimonio immobiliare pubblico locale e l’installazione di impianti alimentati da fonti rinnovabili.

Questo progetto prende avvio grazie al supporto di ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) Lombardia, che promuove una rilevante iniziativa di supporto ai Comuni nell’attivare progetti subito cantierabili finanziabili con i circa 350 milioni di euro di fondi regionali per il biennio 2020-2021 introdotti dalla Legge regionale n. 9 del 4 maggio 2020 (“Interventi per la ripresa economica”).

Le attività del PECC sono partite nei mesi scorsi con quattro webinar dedicati ai Comuni della Lombardia, in cui sono state spiegate nel dettaglio le regole e le procedure sull’utilizzo degli incentivi regionali per l’efficienza energetica oltre alle linee guida per la scelta degli interventi e gli strumenti esistenti di diagnosi e valutazione dei benefici energetici.

Dopo il ciclo di webinar, il PECC diventerà una struttura stabile negli spazi regionali e assisterà i Comuni negli interventi in materia di efficienza energetica territoriale.

Oltre a questo aiuterà nella programmazione regionale su energia e clima nell’ambito dei fondi strutturali europei per i prossimi anni 2021-2027.

Come abbiamo visto sono molti gli strumenti messi in campo per far sì che un uso efficiente dell’energia sia sempre più un obiettivo per il futuro sia per il singolo cittadino sia a livello comunale, regionale e statale.

Anche in questo percorso Cogeser Energia è al tuo fianco per aiutarti a comprendere al meglio il complesso mondo del mercato dell’energia e del gas e individuare le migliori soluzioni.

Ti ricordiamo che siamo sempre disponibili tramite i nostri canali: chiamaci al n. 800 468 166 da fissi e 02 950 0161 anche da cellulari oppure scrivi a clienti@cogeser.it.

Cogeser Energia c'è.

Instagram

© 2020 Cogeser Energia   |   Privacy   |   Cookies Policy

SPORTELLI COGESER ENERGIA APERTI CON APPUNTAMENTO
Si informa la gentile clientela che il servizio clienti offerto attraverso i Cogeser Point è disponibile previo appuntamento, che potrà essere fissato chiamando i numeri 02 9500161 - 800 468 166.
Ricordiamo inoltre che accedendo all’area riservata “AREA CLIENTI” (in alto a sinistra della pagina del sito) sono disponibili tutte le informazioni relative alle forniture del gas e della luce.
Online si potrà inviare anche l’autolettura, comunque sempre disponibile attraverso il numero verde dedicato 800 368 340.